Hotel Alma: hotel all'Isola d'Elba » trekking a Fetovaia




Tutta la zona dell'anello occidentale dell'Isola d'Elba è adatta agli appassionati di trekking grazie al gran numero di sentieri che salgono e avvolgono il massiccio del Monte Capanne.
Presso il nostro hotel troverete una guida aggiornata dedicata al trekking del Monte Capanne realizzata dal Consorzio Elba Occidentale di cui la Costa del Sole fa parte e dal quale abbiamo estrapolato il sentiero qui sotto descritto.

Il Sentiero dei Pastori:
Grado di difficoltà: impegnativo
Tempo di percorrenza: 7 ore

Partenza da Fetovaia: il sentiero n° 35 si inerpica accanto alla fermata del bus, risalite una stretta vallata dove, in mezzo alla bassa macchia mediterranea che domina l'intera Elba sud-occidentale, sono ancora ben visibili i resti di cave di granito.

In questa area l'uomo ha una storia antichissima, tanto che ospita resti ben conservati di sepolture preistoriche. Mentre risalite Fetovaia si allontana ma riserva scorci panoramici suggestivi, selvaggi e inconsueti. Arrivati alle Piane della Sughera vi consigliamo di proseguire in direzione Vallebuia-San Piero verso il sentiero n° 34 che raggiungerete abbastanza facilmente. Dopo aver fatto una scorpacciata di panorami marini (Fetovaia, Seccheto, Marina di Campo, Pianosa, Montecristo e nei giorni più chiari la Corsica, l'Argentario ed il Giglio) raggiungerete Pietra Murata e di qui imboccate sulla sinistra il sentiero n° 30. Dopo poche centinaia di metri vi imbatterete nel primo caprile, una delle singolari costruzioni che punteggiano questo percorso. La strada è abbastanza agevole, la vista splendida e il Monte Capanne sovrasta il vostro cammino.

Trekking a Fetovaia


Tra saliscendi, torrentelli e felci raggiungerete facilmente un luogo magico: le Macinelle, un piccolo ed appartato villaggio di caprili, ancora intatto, che domina tutta la costa sud dell'Elba. Potete fermarvi a riposare sullo spiazzo erboso al riparo dei caprili, osservati da lontano dai mufloni e sorvolati dalle poiane.

Dopo il riposo una breve discesa vi porterà sul tratto finale del sentiero n° 30 fino a raggiungere il bivio della Grottaccia. Da qui percorrerete lo stesso tratto finale dei sentieri n° 31 e 8 verso le Mura oppure prendere in discesa il sentiero nà 8 per arrivare più rapidamente a Fetovaia. Vi consigliamo di proseguire sul sentiero n° 31, una discesa più lunga ma più agevole, stando bene attenti ad imboccare il bivio del sentiero n° 35 per Fetovaia sulla vostra sinistra dove potete incontrare altri singolari caprili elbani.